Big Data e Data Science
big data e data science a pescara

Business Intelligence per predire il futuro

Business Intelligence, Data Science, Big Data sono tra le parole più ricercate su Google nell’ultimo anno. Ma di cosa si parla esattamente?

Quotidianamente produciamo ingenti quantità di dati non solo personali, ma anche di tipo commerciale: importanti informazioni che possono essere raccolte, analizzate e utilizzate per velocizzare ed ottimizzare il processo decisionale delle imprese che le gestiscono.

In quest’ottica, una buona gestione di business intelligence può rivelarsi l’arma vincente che consente alle aziende di differenziarsi e di oscurare le dirette concorrenti.

Cos’è la Business Intelligence

business-intelligence

Il termine business intelligence è stato coniato nel 1958 da Hans Peter Luhn, un inventore tedesco che lavorava per IBM. Sta ad indicare l’insieme di tecniche e di software che permettono ad una società di ottenere dati accessibili, al fine di sfruttarli a vantaggio dell’azienda.

La business intelligence consente dunque di raccogliere grandi quantità di informazioni dai database aziendali per realizzare strategie utili alla crescita della società, creando concreti vantaggi competitivi.

Realizzare modelli predittivi

Infatti, utilizzando i sistemi di business intelligence non è possibile solo raggruppare e monitorare tutte le informazioni in possesso della società. Con la Business Intelligence è possibile anche sfruttare i cosiddetti Big Data per predire trend e richieste future dei consumatori. Ciò consente alle imprese di aumentare le vendite, diversificando la propria offerta.

La business intelligence aiuta le aziende a prendere decisioni più intelligenti sulla base dello studio dei dati attraverso:

  • identificazione delle strade da seguire per aumentare i profitti;
  • analisi del comportamento dei clienti;
  • confronto dei dati con i competitor;
  • monitoraggio delle performance;
  • ottimizzazione dei processi;
  • individuazione dei punti problematici da risolvere;
  • individuazione dei trend del mercato di riferimento.
  • Diskover in questo senso può aiutare la tua azienda ad aumentare il fatturato. Grazie alla nostra professionalità ed all’uso di piattaforme predittive, miglioreremo la produttività aziendale.

Business intelligence a portata di mano

Ciò che rende davvero interessanti questi software è la loro usabilità. Infatti, grazie ad una dashboard con diagrammi, grafici e indicatori di performance di facile comprensione, i vantaggi connessi alla business intelligence sono perfettamente fruibili anche a chi non ha alcuna conoscenza di analisi dei dati.

Sfruttando questi meccanismi, dunque, l’azienda sarà in possesso di informazioni accessibili a dirigenti e responsabili che potranno essere archiviate e rintracciate semplicemente e in qualsiasi momento.

Come funzionano i software di BI

business-intelligence-2

Per funzionare al meglio, la business intelligence utilizza programmi informatici che permettono di organizzare tutte le informazioni raccolte ed immesse nel sistema in modelli ordinati.

Per il ricorso a modelli matematici, statistici e metodi di analisi approfonditi, è fondamentale il lavoro di figure specializzate in data science, come data scientists e business intelligence analyst.

I data scientist riescono a far emergere il valore dei dati forniti e, attraverso statistiche avanzate e analisi apposite, realizzano modelli predittivi e da seguire.

L’analisi aziendale non è un processo lineare ma è un ciclo di scoperta, analisi, condivisione e scoperta di informazioni che, in termini aziendali, viene chiamato ciclo di analisi. Le aziende utilizzano il ciclo di analisi per reagire alle mutevoli domande e aspettative del mercato.

Scopi e vantaggi

business-intelligence-3

Lo scopo della business intelligence è dunque quello di portare valore all’interno dell’azienda, rintracciando i processi inefficienti che costituiscono un ostacolo alla crescita e una perdita di risorse. I report da essa derivanti, permettono anche di identificare i punti forti della società, consentendo di sviluppare strategie mai tentate prima.

In linea generale, possiamo dire dunque che questi software rendono possibile capire le necessità e le preferenze, ma anche intuire e predire le esigenze future dei clienti dell’azienda che li usa. Mostrando i dati presenti e passati nel contesto aziendale, è possibile aiutare dirigenti e responsabili dell’impresa a prendere decisioni migliori per l’azienda stessa.

Data la direzione in cui la rivoluzione digitale sta portando la società, e la conseguente generazione di miliardi di dati in tutto il mondo, avere la possibilità di sfruttare nuove informazioni e utilizzarle per le decisioni aziendali quotidiane rappresenta una opportunità da cogliere al volo.

La differenza tra il tradizionale BI e il moderno BI

business-intelligence-3

Prima gli strumenti business intelligence si basavano su un modello tradizionale: dall’alto verso il basso dove la BI era guidata dall’organizzazione e dove venivano utilizzati dei report statici per rispondere alle domande di analisi. Ciò comportava che se ci fosse stata una domanda di follow-up sul report per rispondere si sarebbe dovuto ricominciare il processo di analisi da capo.

Invece la BI moderna è estremamente interattiva ed adattiva. Le aree organizzative rimangono sempre una parte focale all’interno dell’azienda per la gestione dell’accesso ai dati ma tutti gli utenti possono personalizzare la dashboard e creare report con poco preavviso. Grazie al giusto software tutti possono vedere i dati e rispondere alle proprie domande.

Case history: Schwab e l’implementazione della BI

Molte grandi aziende hanno adottato la business intelligence nei settori della sanità, istruzione, informazione e tecnologia. Ad esempio la società di servizi finanziari Charles Schwab ha utilizzato la BI per avere una visione chiara su tutte le sue filiali negli Stati Uniti al fine di individuare i dati sulle performance di ogni filiale e valutare le aree strategiche.

L’accesso a una piattaforma di BI ha permesso a Schwab di unire e riorganizzare tutti i dati delle filiali in un unico sistema.

Grazie all’implementazione della business intelligence i direttori delle filiali ora sanno quali clienti potrebbero avere un cambiamento in termini di investimento; in questo modo possono monitorare se il livello di rendimento di una regione è inferiore o superiore alla media e con un semplice click sapere quale filiale è la migliore dell’area.

Tutto ciò porta migliorie non indifferenti nel sistema decisionale e strategico, il quale può intervenire ottimizzando i processi da migliorare e allo stesso tempo rendere più felici e soddisfatti i propri clienti.

Author

riccardo

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *